Il Tartufo nero Italiano rispetto al Perigord

I tartufi sono il corpo fruttifero di un fungo ascomiceto sotterraneo, che è prevalentemente una delle numerose specie del genere Tuber. Descritto come il “diamante della cucina” dal buongustaio francese Jean Anthelme Brillat-Savarin, ci sono specie di tartufo che sono molto apprezzate come cibo e questi tartufi commestibili sono molto apprezzati in paesi e culture in luoghi come la Francia, l’Italia, la cultura ottomana demografia, cucina mediorientale e spagnola. In questi luoghi dove i tartufi sono cari, vengono coltivati ​​in agricoltura e possono anche essere raccolti dai loro habitat naturali dove crescono senza l’influenza umana di alcun tipo.

Specie comune di tartufo
Una delle specie più comuni di tartufo è il tartufo nero, spesso indicato come il tartufo nero del Périgord, che è la seconda specie più pregiata dal punto di vista commerciale e prende il nome dalla regione francese con lo stesso nome. Una cosa sui tartufi neri è la loro associazione con querce, ciliegi, nocciole e molti altri alberi a foglie caduche. Inoltre, il periodo di raccolta di questa specie di tartufo è nel tardo autunno e inverno.
In Australia, questa è la specie di tartufo più comune ed è spesso considerata con il termine colloquiale “il diamante nero della Provenza”. I tartufi neri crescono naturalmente in tutta Italia e in Francia, tuttavia i produttori hanno perfezionato il processo di coltivazione dei funghi utilizzando le radici di quercia, nocciola, olmo e altri alberi.

Il Périgord nero
cos’è il tartufo nero
Francia Tartufo Nero Il Périgord nero
Il tartufo nero del Périgord ha un prezzo molto alto sul mercato (che costa circa AU 2.500 per un chilogrammo) e ci sono diversi produttori in tutto il mondo che si dedicano alla coltivazione di questo fungo. Nel 2018, si stimava che l’Australia avrebbe superato la Francia come il più grande fornitore mondiale di funghi quando la domanda avrebbe superato l’offerta. I tartufi neri si presentano con un aroma terroso, sono robusti e hanno un sapore di nocciola, simile a un fungo. Una cosa affascinante di loro è la loro capacità di assumere il profilo aromatico dell’albero sotto cui crescono.

La buccia di questa specie di tartufo è marrone scuro, spesso di colore nero, e al momento della maturità, la polpa del tartufo nero del Périgord è di un marrone scuro intenso e presenta venature bianche simili a ragni che attraversano la superficie.

I tartufi sono uno spettacolo carissimo sulla scena gastronomica – no, non le prelibatezze al cioccolato che portano lo stesso nome – ei veri tartufi sono una rara delizia. Sicuramente non un’occasione da dimenticare. I tartufi sono generalmente considerati troppo costosi per il cibo (Scopri perché), tuttavia, in paesi come gli Stati Uniti ci sono diversi modi per ripararsi esplorando strade diverse come l’olio al tartufo.
I tartufi sono ricchi di carboidrati, proteine ​​e fibre e di solito contengono acidi grassi sia saturi che insaturi, micronutrienti di varia importanza, ecc.

I tartufi sono considerati una fonte completa di proteine ​​dalla ricerca in evoluzione di recente e sono considerati in grado di fornire tutti e nove gli aminoacidi essenziali necessari nel corpo. Inoltre, i tartufi sono un’ottima fonte di antiossidanti e composti che aiutano il sistema corporeo a combattere i radicali liberi e prevenire il danno ossidativo alle cellule umane.